Eccoci ad un nuovo appuntamento con Music in The Media. Oggi vorrei parlarvi di una delle più divertenti ed irriverenti serie tv degli ultimi anni, ovvero Scrubs, trasmessa per ben 9 anni da MTV. Sarebbe superfluo parlare della trama, dato che consiglio a tutti di guardare almeno una puntata per capire il tipo di comicità (a tratti decisamente brillante) che c’è dietro questa serie. Mi piacerebbe invece soffermarmi sull’eccellente soundtrack che ha caratterizzato negli anni la serie, diventandone di fatto uno dei punti di forza. Sin dalla prima stagione infatti, Scrubs è sempre stato accompagnato da una colonna sonora di ottima fattura, alternando di fatto pezzi famosi come Learn To Fly dei Foo Fighters o Be Yourself degli Audioslave a classici rock come Old Time Rock and Roll di Bob Seger o Eight Days a Week dei Beatles, passando infine per il mondo del songwriting statunitense, con artisti come Mat Kearney, Matt Nathanson o gli ottimi Shins, senza considerare l’ormai famosa sigla Superman dei Lazlo Bane. Rappresenta quindi una scelta davvero interessante per chi voglia scoprire nuovi giovani cantautori americani che ricorrono spesso alla forma voce+chitarra e al tempo stesso riascoltare classici intramontabili di band come Pearl Jam, R.E.M., Boston e Journey. Vi consiglio di guardare la serie ed ascoltare le canzoni, che riescono spesso a rafforzare e ad enfatizzare nella giusta maniera tante scene della serie stessa. Ne vale davvero la pena, e potreste finire per amare, come me, più la musica che Scrubs stesso. Eccovi un assaggio di OST con la parte finale di Superman dei già citati Lazlo Bane, e poi “Hey Julie” degli ottimi Fountains of Wayne.

 

Sonic M

 

Annunci