Ho pensato e meditato a lungo per capire chi effettivamente fosse la persona che è riuscita a trarre il massimo da quella giungla selvaggia che chiamiamo vita. Personaggi forti, magari con aspetti contrastanti,  ma che comunque sono riusciti, ognuno secondo la propria visione, a dare pienezza e spessore alla propria esistenza, e che ad ogni modo possono, nei limiti della ragionevolezza, rappresentare ció che ognuno di noi è in grado di raggiungere.  Ho quindi cominciato a pensare ad un ipotetica classifica, giungendo infine a concepire questo trio di “goderecci della vita” che meritano senz’altro una nota in più.

3) Sul gradino più basso del podio si piazza certamente Hugh Hefner; in fondo chi di noi non si è immaginato almeno una volta nelle vesti  (o dovremmo dire nella vestaglia di seta borgogna) di questo attempato mascalzone dai dubbi principi morali? Fortunatamente non è un presidente del consiglio, e di certo non è un esempio di padre o nonno da considerare come riferimento, ma sicuramente questo simpatico vecchietto dalla dipendenza da pillola blu è riuscito sicuramente, a suo modo, a dare “pienezza” alla propria esistenza; almeno non gli si può dire che non abbia seguito i “principi” che lo ispiravano…

2) Qui ho collocato lo scrittore Bill Bryson: come vi sentireste voi a girare per il mondo in piena libertà, divertendovi e facendo tutto ció che vi pare in giro per il globo nella più completa tranquillità per poi tornare a casa, scrivere un libro sul viaggio appena concluso, e godersi i frutti di questo “pesante lavoro” fino al prossimo viaggio? Io personalmente piuttosto bene..

1) In cima al podio troviamo lui. Sua maestà Mick Jagger. Allora, la premessa è questa: pensate di essere una di quelle rockstar che hanno un successo fulmineo che vi porta sul tetto del mondo per un periodo, magari uno o due anni, in cui tutto vi è concesso, il mondo è ai vostri piedi e fate la cosa che più piace: ecco, ora espandete questo periodo a circa 45 anni e avrete una vaga idea del Mick Jagger Lifestyle. Lui, così come gli altri simpatici vecchietti meglio noti come Rolling Stones, è riuscito a non farsi uccidere dal cosidetto connubbio Sesso, Droga e Rock & Roll (a cui va probabilmente aggiunto l’ Alcool, ndr) e a rimanere sulla cresta dell’onda per quasi mezzo secolo, suonando con i migliori musicisti Rock di sempre e non solo. Jimi Hendrix aveva un problema legale per droga? lo chiedeva a Mick. Syd Barrett non riusciva ad emergere col suo gruppo? Lo raccomandò Mick. John Lennon e Paul McCartney avevano voglia di divertirsi? andavano da Mick. Inutile dire che in questa speciale classifica vince con netto distacco sugli altri due. In fondo, chi non vorrebbe avere un nonno così?

Annunci